Primo settennio

Il giardino d’infanzia steineriano accoglie i bambini dai tre anni circa e li accompagna fino alla soglia dell’età scolare.
Nei primi sette anni di vita il bambino è in completa relazione con il mondo. È il mondo degli adulti che lo circonda e sono le sue innate forze di imitazione a permettergli di imparare a camminare, parlare, pensare, a giocare e a dire “io” a se stesso.
In questo periodo della vita, il bambino riceve dall’esterno impressioni molto forti che egli assorbe completamente e che possono influire persino sul suo sviluppo fisico. In questa fase il bambino va protetto da stimoli eccessivamente articolati ed intellettivi, immergendolo in un mondo “buono”, ricco di fantasia, immagini, gioco e meraviglia.

A misura di bambino, abbiamo costruito un ambiente familiare, curato e arredato con mobili in legno e tessuti dai colori tenui

Gli spazi sono pensati per il gioco libero si affiancano a spazi dove le maestre possono dedicarsi alle attività della vita quotidiana come fare il pane, preparare la merenda, cucire, ecc, attività che i bambini imitano volentieri, i giocattoli sono molto semplici affinché il bambino possa viverli come desidera.
Il fluire della giornata vede alternarsi gioco libero ed attività di gruppo (euritmia, tessitura, disegno, pittura, fare il pane, modellare la cera) che a loro volta si alternano nel corso delle settimane e delle stagioni offrendo al bambino senso di sicurezza, protezione e fiducia, rafforzando nel contempo la sua volontà.
L’alimentazione è esclusivamente a base di prodotti biologici e biodinamici.

Approfondimenti

Il bambino maturo per la scuola
Esperienze quotidiane di un’insegnante di Euritmia

asilo-bn

Vedi anche: